Sempre libero…

Callisto Tanzi

Così come ampiamente previsto dai povericristi, il sig. Tanzi, ex patron della Parmalat, l’uomo a cui centinaia di famiglie italiane debbono la loro rovina economica, condannato a 10 anni di reclusione per aggiotaggio dalla corte d’appello di Milano e a 18 anni di reclusione per bancarotta fraudolenta dal tribunale di Parma, non sarà arrestato e, perciò,  non andrà in galera. Così ha deciso la Quinta sezione penale della Cassazione, disponendo che la faccenda torni al tribunale del riesame.
Nel frattempo il sig. Tanzi sconta la sua pena nella lussuosa villa di famiglia, circondato da Van Gogh e Picasso, e non ha alcun problema di carattere economico, a differenza della gente da lui frodata.
Si sa, in Italia non si va facilmente in galera, a meno che non si sia immigrati clandestini o plebei drogati o dediti all’alcool. Costoro ci resterebbero anche se avessero problemi di salute ben più gravi di quelli di Tanzi, perchè lui è Tanzi e loro, come direbbe il Marchese del Grillo, loro non sono un ca**o!

Annunci

2 pensieri riguardo “Sempre libero…

  1. In America, per gli stessi reati, un uomo è stato condannato a 150 anni di carcere ed è regolarmente in prigione. La cosa più importante è questa: è in prigione, nonostante abbia risarcito (costretto dalla stessa condanna) quasi tutte le persone che aveva rovinato. Non chiedo tanto, ma che almeno la cella la veda questo bell’imbusto!

    Mi piace

  2. non credo la giustizia stia facendo bene, questa persona ha rovinato tantissima gente e se ne sta libero a casa sua, con i soldi, mentre molti si sono trovati senza più niente

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...