Antonio Covino: un grande Poeta Napoletano

L'Autore: Antonio Covino - Napoli

Ll’urdema chiagnuta

di Antonio Covino

 

Trasette ‘e sguincio â porta ô paraviso
abbandunato ‘o piso d’’a vicchiaja,
lassaje ‘a sufferenza ‘e mise e mise
e dette ‘na guardata a chella chiaja.

E leggia s’avviaje senza dulore
tra ‘e sante ca cantavano ‘e preghiere
e ll’angiulille cu’’e culille ‘a fora,
‘na strada ‘e luce e âddore ‘e primmavera.

‘A faccia s’attiggiaje a pizz’a rriso
quanno nu Santo lle stennette ‘a mano
ca pe’ ‘na scala ‘e chillu paraviso
ll’eva purtà cchiù ncopp’, a ‘n atu piano.

Teneva npont’’a lengua ‘n addimanna,
e ‘o santo ca pareva padre Pio,
capette e rispunnette senz’affanno:
“ a figlieto t’’o faccio vedé io”.

“È vivo ‘o figlio mio e nun è muorto!
-‘a vecchia rispunnette ‘a copp’’a mano-
è ‘n ata cosa, isso se sta accuorto,
mò sta a ll’estero e se fatica ‘o ppane”.

‘O santo s’ attristaje cu’’a faccia appesa,
pecchè nisciuno a chella ll’eva ditto,
ca ‘o figlio eva già muorto ‘a cchiù ‘e nu mese,
penzanno ch’eva fa’ se stette zitto.

E fuje p’’o luvà ‘a miez’a chillu mpiccio,
pe’ venì fora ‘a chella confusione,
ca ‘o Masto ch’è nu poco traseticcio,
mannaje ambress’ambressa ‘a soluzione.

Pigliata chella mamma d’’e lamiente
nun s’accurgette ‘e chi ce steva arreta,
nun era né ‘o marito né ‘e pariente,
ma ‘o figlio suojo carnale ca discreto

dicette a chillu Santo:”ce penzo ie,
nun t’abbelì pe’ chesta discussione,
mo ca me vede ‘a mammarella mia
se mette tutt’a posto ‘a situazione”.

Sentenno s’avutaje ‘a vicchiarella,
fuje nu piacere sulo ‘e nu mumento
se sentette ‘e scuppià dint’’a cervella
quanne vedette ‘o figlio suojo llà annante.

comme a ‘n angelo ‘e chillu Paraviso
ca pe’ tramente le stennev’a mana
‘a mmitava cu nu gesto e nu surriso
a fa’chell’acchianata chianu chiano.

“Oj mà, te staje purtanno appriesso ancora
‘e sentimiente viecchie d’’o ppassato,
ma è venuto ‘o tiempo, chesta è ll’ora
‘e saglì nnanz’a Dio pe’ ‘sta sagliuta

ca se saglie senz’’o piso d’’e peccate
e senz’’o bbene ca chiammavemo famiglia,
dint’a ‘stu posto, ccà, tutt’ammiscate,
‘o Pate è uno e tutte simmo figlie”.

E s’avvïaje pe’ chella cammenata
sultanto allora, ll’astrignette ‘a mana,
ma se facette ll’urdema chiagnuta,
penzanno a ll’ati figlie ormai luntane.

Traduzione:

Entrò timidamente per la porta del Paradiso, abbandonato il peso della vecchiaia, lasciò la sofferenza di tanti mesi  e dette una guardata alla quella spianata.
Leggera si avviò senza dolore tra i santi che cantavano preghiere, gli angioletti con i sederini scoperti, una strada di luce e l’odore della primavera.
Il viso prese a sorridere quando un Santo le stese la mano perché per una scala di quel paradiso la doveva portare più su ad un altro piano. Aveva in punta di lingua una domanda e il Santo capì e rispose senza problemi: “A tuo figlio te lo faccio vedere io”. “E’ vivo mio figlio non è morto, è un’altra cosa, lui è attento, adesso è all’estero a stentarsi il pane. Il Santo si rattristò si rabbuiò in viso perché nessuno a quella aveva detto che il figlio era morto da più di un mese, pensando al da f arsi zittì. E fu per toglierlo dall’imbarazzo, per venire fuori da quella confusione  che il Capo che sa tutto, mandò in fretta la soluzione. Presa quella madre dal lamentarsi non s’accorse di chi le stava dietro, non era né il marito né i parenti ma il figlio suo carnale che discreto disse a quel Santo: ”Ci penso io, non ti avvilire per questa discussione, adesso che mi vede mammuccia mia si mette tutt’a posto la situazione.
Sentendo si voltò la vecchierella, fu il piacere solo di un momento, si sentì di scoppiare nella testa quando vide suo figlio lì davanti come un angelo di quel Paradiso che mentre le stendeva la mano, la invita con un gesto ed un sorriso a fare quella salita piano piano.
“Oh, mamma, ti stai portando appresso i sentimenti retaggio del passato, ma è venuto il tempo, adesso è l’ora, di salire innanzi a Dio per questa salita che si sale senza il peso dei peccati e senza il bene che abbiamo chiamato famiglia perché in questo posto il Padre è uno e tutti quanti  siamo figli”. E si avviò per quella camminata soltanto allora, gli strinse la mano, ma si fece un ultimo pianto pensando al resto dei figli ormai lontani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...