Un capolavoro di Giorgio Brunelli

La Posta di Moccio

(Bastone)

 

L'Autore: Giorgio Brunelli -Verona

Che Giorgio Brunelli fosse uno scrittore estroverso e fuori dalle righe, un poeta altrettanto sorprendente, lo sapevo già da tempo.

Ignoravo il fatto che recitasse da far invidia a Marco Paolini.

Grazie a You Tube che ci regala simili emozioni:

Chi, invece volesse assaporare l’emozione del testo scritto è servito: eccolo.

 

LA POSTA DI MOCCIO (bastone)

Signori… e signore… buonasera, e ben venuti a ” La Posta di Moccio”. Andiamo subito al dunque, scartando la lettera da Erminio di Trento…cui  accuorato ci dice due punti:

amici ciao, sono erminio uno scultore del legno ma lavoravo anche nel vacchificio di mio papà su dopo trento.  già non vendevo niente come artista e ora che in più  il vacchificio ha preso anche fuoco capite voi bene come siamo messi qua in famiglia. 30 vacche da latte andate in mona! vi do da vendere  il mio bastone d’arte che ho intagliato tutto da me. sono sempre più povero e sempre più in giù di spirito. help me!, son veramente mal messo.  comunque, viva la figa, viva la libertà! grazie e distinti saluti dal vostro caro erminio di trento.

Eccolo qua… A sentir ‘ste robe mi  si sconquassa sempre le viscere…Penso che tutto questo moccio colante di Erminio, sia ben riuscito a infradiciarci tutti quanti dappertutto sui vestiti. Lacrime vere queste sue…NO FICTION… che adesso lui ci ribalta qua da noi….ma che noi del staff…riceviamo sempre felici come le pasque. Felici delle sue, come di tutte quelle altre, anch’elle intinte di piagnistei che ci arrivano ormai a frotte, da ‘na bella fetta di umanesimo oggi ridotta alla canna del gas. Oramai conoscete un po’ tutti qua l’ambaradam …. E E’ INUTILE CHE MI RIPETI! Qua ci inviano una montagna di oggetti, di ogni tipo…pieni di storia alle spalle… e ma di sopratutto di  valore affettuoso. Tutti articoli di proprietà di tanto popolo oggi in difficoltà… italiani veramente  in difficoltà… direi quasi nella merda…tanto per esser chiari. Il nostro è un commercio etico e il nostro servizio è tutto AGRATIS per intiero…ma  ciononostante… offriamo ben volentieri  al nostro prossimo il nostro tempo libero, e che comunque detto francamante… di tempo libero ce ne avremmo tanto da perdere lo stesso. Perchè la nostra,  è da pensarla come una missione sociale… perchè esser sociali… ti fa sentire sociale…nella…socialità. Siamo i creatori di questa associazione… che non vuol essere culturale, che non vuol essere politica, che non vuol essere religiosa… ma bensì…come tanto la amiamo dire noi…  superlaica romantica no profit. NO SCIENTOLOGI QUA!!! Checcazzo. Il nostro è un lavoro sporco, che facciamoci  rimboccando su le maniche alla nostra mente …ma d’altro canto  qua, qualcuno deve pur incominciare a sudare sul serio… e noi ci sentiamo… ANZI SIAMO… come dei eroi…. Siamo, e ne siamo più che convintissimi, i medici senza frontiere dell’usato VISTO E PIACIUTO…ma solo che invece noi… stiamo aldiqua della frontiera…  perchè qui in questo Stivale dove purtroppo abbiamo i natali e che oggi sta coi buchi sotto le suole…ci vogliamo rimanere proseguenti a lottare duri! Ok, bando alle ciance e incominciamo col nostro bel lotto.  Allora Erminio, uno scultore…MA MONTANARO ANCHE. Siccome che con le sue sculture lui….ZERO… dopo l’incendio del vacchificio che si chiacchiera là in giro di origine dolente, Erminio andò a ritirarsi molto giù di tono, lassù sulle sue montagne e fra la raccolta di un porcino e una bastonata sulla testa alla tantissime vipere che incrociò nel suo ramingo peregrinare, ingannò il tempo scolpendo questa opera d’arte, posta in vendita qui alla Posta di Moccio. A un prezzo ridicolo, dir popolare….e dir poco. Ma poi a un certo punto lui scazzato da quell’andirivieni montano lui si disse a se stesso… STOP FINIAMOLA QUA ERMINIO! Perdunque… tornato nel suo senno dopo sei mesi di quel suo esilio volonteroso, decise di far ritorno a valle alla volta di casa sua. Ma una volta rigiunto a casa, Erminio però fu costretto a dar via tutti i suoi pochi averi, per ributtare finanziarietà nelle sue vuote casse…E E’ PERCIO’… che ha incluso in tutto il suo sbolognare, anche questo suo bastone intagliato a mano col  coltellino svizzero, quel coltellino che gli trapassò il suo bisnonno ancora quando lui era piccolo. Trovò questo ramo grezzo e lo incominciò a scolpire all’andata su per il bosco e lo finì sul sentiero per casa al ritorno a casa dal bosco. Ma eccolo qua! Buttateci un occhio! Non ha bisogno di parole…ve lo roteo e potete vederlo meglio. eccolo…basta…l’avete visto…roba da svenimento! Un capolavoro ligno, assolutamente unico nel suo tipo di genere. E ora…occhio ai giramenti e aggrappatevi  fortemente al vostro sgabello del pc…perchè Erminio… ha fissato per noi  il prezzo di questo capolavoro…a DUE EURI PUNTO DIECI CENTESIMI. Ma che per me che c’ho l’occhio lungo, e che sento quando uno fa l’arte al posto di un altro che invece no, ma magari lui si crede sì,  io dico che ne vale almeno almeno come minimo TRE! Aiutiamolo per piacere a ritrovar la via della serenità, e anche quella dei suoi Canti, che erano quasi tutti comunque ricopiati  dagli alpini. Particolarmente giro la tristezza di Erminio, ai bustapaghisti, oggi, gli unici neo ricchi di questa nostra nuova società. A voi, vi pregherei di mettervi una mano in cima al cuore e quell’altra dietro dentro al taccuino e di sganciare fuori questa ridicola spicciolata di monetine…in fondo…poco più di una questua che fareste al vostro parroco durante la messa vespertina. Vi ricordo eppoi…molto importante è che lo sottolineo… che per noi  il tempo non è danaro….il tempo per noi… è una specie di sogno…che ci sentiamo in obbligo di rubare financo per voi… se vogliamo tutti quanti all’unisuono a continuar a viver decenti e qualche volta ancora cantanti. Perchè noi…e qui  chiudo la manfrina… altro non siamo che dei dreambuster…e  cioè…traduco per quelli che non hanno ancora imparato lo straniero a scuola…dei ACCHIAPPASOGNI.  Detto cotanto, mi è venuta l’ora di sigillare il lotto di Erminio, e quindi, buonasera a tutti e un grazie a tutti alla grande! Renato… UISSS…archivia il lotto! Andato!

Copyright: Giorgio Brunelli (tutti i diritti riservati)

Annunci

2 pensieri riguardo “Un capolavoro di Giorgio Brunelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...