Storia di un plagio (Danze Polovesiane Vs. Stranger in Paradise)

Aleksandr Porfir’evič Borodin è stato da taluni definito il più originale fra i compositori russi. Possedeva il dono di esprimere sentimenti ed emozioni con una sola frase musicale. In ogni sua composizione è presente una profondità espressiva unita a una grande linearità melodica. Nonostante il poco tempo che poté dedicare alla musica, ci ha lasciato numerose composizioni.

Aleksandr Borodin
Image via Wikipedia

 

Come Borodin riuscì a trovare tempo per la musica oltre al suo lavoro all’accademia che gli serviva per vivere resta un mistero. Nel 1864 tuttavia si trovò con Milij Alekseevič Balakirev e tramite costui conobbe César Cui, Modest Musorgskij e Nikolaj Rimskij-Korsakov. In questo modo divenne l’ultimo membro del “gruppo dei cinque” nazionalista russo, il cui stile musicale epico e romantico può essere paragonato perlopiù con quello di Richard Wagner. Nel 1869 venne rappresentata la prima sinfonia di Borodin, diretta da Balakirev. Nello stesso anno Borodin iniziò il suo lavoro alla sua opera eroicaIl principe Igor”, con le famose Danze Polovesiane. Questa opera, che spesso viene considerata il suo lavoro più significativo, restò incompiuta fino alla sua morte, a causa all’immenso sovraccarico di lavoro di Borodin come ricercatore scientifico. Il “Principe Igor” venne in seguito completato da Aleksandr Glazunov e da Nikolaj Rimskij-Korsakov e adattato per orchestra. Parimenti incompleta restò una terza sinfonia, a cui Glazunov contribuì con un completamento postumo.

Borodin definiva la sua musica un “passatempo, come un riposo dalle sue occupazioni più serie”, con cui intendeva ovviamente il suo lavoro come scienziato.

Nel 1953 Robert Wright e George Forrest “saccheggiarono” e elaborarono musiche di Borodin (per lo più dall’opera Il principe Igor) per il musical Kismet, rappresentato per la prima volta a Broadway nel 1953. Il musical ottenne un tal successo internazionale (ne venne tratto anche un film con Ann Blythe) che nel 1954 fu assegnato, postumo, a Borodin un Tony Award. La canzone Stranger in Paradise Straniero tra gli Angeli, in Italia -(adattata dal tema più celebre contenuto nelle Danze Polovesiane dal Principe Igor) venne portata da Tony Bennett, Four Aces e Bing Crosby al successo internazionale. Nel 1978 il musical venne riproposto dall’All Black Ensemble con il titolo di Timbuktu: la musica di Borodin vi è combinata con brani di musica popolare africana; fra gli interpreti di questo remake, Eartha Kitt e Melba Moore.

DANZE POLOVESIANE

STRANGER IN PARADISE (Nell’indimenticabile esecuzione di MINA)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...