‘Na Telefonata

Fora da’ porta der Divino Ufficio
Cresce na coda lunga come ‘n treno:
Angioli e Santi fann’er sacrificio
Ed alla prescia metteno ‘n bel freno.

Er Capo, chiuso drentr’al su’ edificio,
Telefona e risponne assai sereno
L’angiolo ar centralino cià er cilicio
De fa’ spettà Su’ fijo, er Nazzareno:

“Nun posso disturbà me spiace tanto”
“Possibbile? Ma con chi stà a parlà?”
“Parla co’ Valentina, er Granne Santo!”
“ La zingarella?” , “Proprio quella là!”
“Capisco” fa Gesù “Scusame tanto
E quanno smette fammece parlà”.
“Cor Padre Vostro?” “No, ce parlo doppo,
“Passame a Valentina, pe’ piacere”.

All’angioletto je viè n’a gola ‘n groppo
E sulla faccia lacrime sincere
Che s’ è commosso veramente troppo.

Porella, Valentina è ‘na bimbetta
Fijia de gente brutta che purtroppo
Mica ce penza a lei, spesso costretta
A sta da sola ch’er papà stà ar gabbio
E la mammina sulli marciappiedi.

Solo a penzacce resti come a ‘n babbio.

A prima vorta: “Dimmi, cosa chiedi?”
“Vojio parlà co’ Dio sinò m’arabbio”
E da quer giorno lui se mette in piedi
Quanno ch’er Padreterno cce conversa,

E ferma le chiamate più importanti
E sulli presciajioli poi ‘mperversa:
“Vietato disturbà , passate avanti
E’ chiara la questione incontroversa:
Si parla a Valentina nun c’è santi
Dovete d’aspettà, partita persa!”

E s’accompagna spesso co’ li canti.

Je sembra d’esse giusto ‘n pizzardone
Che sta à dirigg’er trafico co’ guanti
Pe fa che resti chiuso quer portone.

Copyright: Benito Ciarlo® (Tutti i diritti riservati)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...