Viviamo in un deserto di sentimenti

CatturaSo che riceverò improperi e insulti ma se non lo dicessi esploderei: a me i suicidi e i pluri-suicidi per crisi fanno venire in mente cose come “uccide padre e madre per partecipare a gita orfanelli.”

Mi sfugge la logica che li determina. 

Facile obiettare che non v’è logica nei si suicidi, come non v’è logica negli omicidi assurdi. Appunto. Mi sfugge.

Probabilmente vi sono, alla base, tantissima disperazione e senso di solitudine. Non sempre, però, giustificati e giustificabili.
La disperazione è quasi sempre determinata dalla crisi negli ultimi casi di cronaca, nessuno lo mette in dubbio, ma, secondo me,  c’è soprattutto tanta, tantissima solitudine non so fino a che punto determinata dallo Stato che abbandona i suoi figli nelle difficoltà che esso stesso determina, o dalla sempre più diffusa incapacità di domandare aiuto al prossimo.

O dall’incapacità del prossimo di accorgersi delle difficoltà altrui.

6 aprile 13
rif. Civitanova Marche

Annunci

3 pensieri riguardo “Viviamo in un deserto di sentimenti

  1. Seguito Commenti on FB

    E tu pensi che questo possa essere un deterrente? Dissento in toto da questa azione passiva. Non è questo il modo per evitare questi gesti! Ci vogliono fatti concreti ed essere vicini a chi soffre. Troppo facile così……
    2 ore fa · Mi piace

    Benito Ciarlo Non è passività. La disperazione è giusto che generi ribellione, non suicidio. Specialmente nei casi dei quali ci stiamo occupando e non solo. Si diventa disperati perchè qualcuno prevarica i nostri diritti, uomini o destino che siano, non bisogna subirli e dargliela vinta. Ribellarsi è necessario e se il prossimo è sensibile ed è capace di darti una mano anche in questo il problema lo si risolve.
    Hai mai visto un burocrate o un ministro piangere perchè una persona con la pensione irrisoria si è tolta la vita? O perchè un imprenditore si è ucciso per la vergogna di non poter pagare i suoi dipendenti? Hai visto mai un assassino implorare perdono per aver tolto la vita a qualcuno?
    Io ho soltanto visto le vittime piangere, o arrivare a gesti estremi.
    2 ore fa · Mi piace

    Daniele Gagliardo Non so se hai letto i miei commenti, ma dalla tua risposta ne dubito fortemente. Detto ciò non voglio aggiungere altro a quello precedentemente detto, anche perché a questo punto non avrebbe senso. E’ un monologo. Ognuno di noi due porterà dentro di sé le proprie esperienze che, in quarantasei anni o in sessantatré anni , HA VISTO e che entrambi NON CONOSCIAMO. La Fede ci esorta a non giudicare.Buona serata.
    circa un’ora fa · Modificato · Mi piace

    Emma Bricola Io credo che non sia sufficiente un cartello come quello che hai postato per incoraggiare le persone disperate a continuare a vivere. Non tutti hanno la tua fede in Cristo e molti la perdono se l’avevano. Io non dico che il suicidio sia una soluzione, ma credo altresì che persone che hanno lavorato una vita e alle quali togli il lavoro, la casa e la dignità e che non hanno più la gioventù dalla loro parte, possano sentirsi talmente chiuse in un tunnel da non avere la forza di uscirne se non togliendosi da questo mondo. Tu dici che c’è sempre qualcuno disposto ad aiutarle, non credo sia così facile. Le persone di solito sono vicine a chi bisogno non ha, la maggior parte quando vede che qualcuno sta male , in special modo quando è senza soldi e senza lavoro, fugge via spaventata.
    circa un’ora fa · Mi piace

    Emma Bricola Per non parlare delle istituzioni che invece di aiutarti ti regalano la pala per scavarti la fossa!
    circa un’ora fa · Mi piace

    Benito Ciarlo Emma Bricola diciamo che è giusto suicidarsi? Allora diciamo che non siamo capaci di vedere altre soluzioni? Certo che non basta un cartello, lo so bene. Forse potrebbe essere più esplicito un suggerimento iperbolico.
    Una per tutte: a quello che regala la pala per scavare la fossa, spacchiamogliela in testa la pala e nella fossa seppelliamo lui, non noi stessi.
    Ooops… è un’esagerazione per rendere l’idea non una istigazione a delinquere.
    In altro modo lo dissero anche due persone veramente sagge nella bozza della nostra Costituzione (articolo 50 II comma, che poi fu cancellato per paura): “Quando i poteri pubblici violino le libertà fondamentali ed i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all’oppressione è diritto e dovere del cittadino”. Questa frase fu proposta dai democristiani, Dossetti e Moro, nel 1947. Fu in seguito cancellata perchè la guerra fredda infuriava, e si temeva desse un’arma in più al più potente partito comunista dell’Occidente.
    circa un’ora fa · Mi piace

    Mi piace

  2. Da facebook

    Edy Mattioli e quando chiedi aiuto al prossimo e te lo negano spudoratamente?E non hai più 20 anni?E devi chiedere l’elemosina a persone che sfoderano un sorrisino di disprezzo?
    5 ore fa · Mi piace · 2

    Aurora Lissandrello Forse mancherebbe il coraggio anche a me..
    5 ore fa · Mi piace · 1

    Edy Mattioli e quando hai vissuto tutta la vita secondo le regole e ti vedi circondato da ladri in doppiopetto che hanno rubato anche i tuoi soldi?Con tt il rispetto signor Benito Ciarlo il suo commento mi pare quantomeno ….poco cristiano e un pochetto superficiale….ma nn credo sia colpa sua….solo chi ha conosciuto la vera disperazione e impotenza può capire e giustificare….
    3 ore fa · Mi piace

    Emma Bricola io credo che la disperazione, quella vera , porti a volte a non riuscire a sopportare l’idea di continuare a lottare e a vivere. Benito sei una persona molto fortunata se non riesci nemmeno a concepire l’idea che si possa sentirsi impotenti, disperati e abbandonati.
    3 ore fa · Mi piace · 1

    Benito Ciarlo Al fondo di tutte le disperazioni – non è la prima volta chje lo scrivo e che lo dico – c’è Cristo. Era con i deportati mentre li portavano ai forni crematori (cit. P.Kolbe) è con chiunque lo cerchi nell’ora del bisogno. Può sembrare poco cristiano, ca…Altro
    34 minuti fa · Modificato · Mi piace

    Benito Ciarlo E’ vero inoltre, quel che dice nel primo commento, cara Edy Mattioli. Il prossimo a volte è sprezzante ha la vista corta e non contempla fra i propri valori la solidarietà. Ma solo una parte di esso. C’è sempre qualcuno che nel momento del bisogno è ca…Altro
    31 minuti fa · Mi piace

    Benito Ciarlo Emma Bricola, è vero. Sono una persona fortunata e non, come si potrebbe credere, perchè ho vissuto e vivo nella “bambagia”. Chi ha detto ch’io non sia in grado di concepire la disperazione, l’impotenza e l’abbandoino come sentimenti che possano lacera…Altro
    25 minuti fa · Mi piace

    Daniele Gagliardo Ho letto e riletto il tuo articolo più volte Benito, per capirne bene il messaggio e sarò molto schietto, come sempre, nella mia esposizione di pensiero. A pelle, la prima sensazione che traspare è la tua eccessiva razionalità e senso della critica sch…Altro
    17 minuti fa · Modificato · Mi piace

    Benito Ciarlo Sì Daniele , proprio perché mi conosci bene e hai letto quel che ho scritto con attenzione, sono certo che tu sia in grado di distinguere la forma dalla sostanza, la provocazione dal ragionamento, la disperazione senza sbocchi dalla non dissimile dispe…Altro
    12 minuti fa · Mi piace

    Benito Ciarlo Edy Mattioli, Emma Bricola, Daniele Gagliardo, Sto sostenendo un ragionamento che mi porta a negare con forza il suicidio come elemento in grado di porre fine alla disperazione. Ciò – per amor di Dio – non vorrei portasse a credere ch’io non provi pietà per chi si toglie la vita in qualsiasi circostanza. LA sintesi è nel titolo del mio articolo: Viviamo in un deserto di sentimenti.
    7 minuti fa · Modificato · Mi piace

    Daniele Gagliardo Anch’io resto fermo sulla mia opinione in quanto ho scritto ciò che pensavo.Ognuno di noi ha vissuto, sulla propria pelle e sulla pelle di chi gli stava vicino , situazioni analoghe. Ognuno di noi ha tratto esperienze da questi episodi.Ognuno di noi ha un memoriale, molto forte, in merito. Io e te abbiamo una Parola che ci conforta, che è quella della Fede. E’ la nostra missione quella di portarla agli altri, per evitare situazioni come queste. Essere vicino a chi soffre. E poi io non ho detto che tu non provi pietà verso queste persone e lungi da me il pensare questo. Ciao Ben.
    5 minuti fa · Mi piace

    Benito Ciarlo http://www.facebook.com/photo.php?fbid=10200908759910078&set=a.1094097721480.2016556.1497677536&type=1

    Foto del diario
    Dalla rete.
    di: Benito Ciarlo
    2 minuti fa · Mi piace · Rimuovi anteprima

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...