IL SONNO DELLA RAGIONE

Votare, dormire.
Niente altro.
E dire che col sonno mettiamo fine
al dolore dell’urna e ai mille colpi
che il risultato del voto ha ereditato
È un epilogo da desiderarsi devotamente.
Non dire, non fare, dormire.
Dormire, forse sognare: ah, c’é l’ostacolo,
perché in quel sogno di gioia
il pensiero dei sogni che possano venire,
quando ci saremo staccati dall’idiozia del porcellum,
ci rende esitanti.
Altrimenti chi sopporterebbe un risultato così e lo scherno del tempo
che passa inesorabile
e le ingiurie dello spread e della Borsa, le insolenze dei mercati e dei grillini,
le ferite del voto disprezzato,
le lungaggini della legge, l’arroganza dei burocrati
e i calci che i giusti e i mansueti
ricevono dagli indegni?

Annunci

Un pensiero riguardo “IL SONNO DELLA RAGIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...