SISMA (Poesia d’amore, nonostante tutto)

1378509_10201412866061879_1429799587_n
Premonizioni a iosa suggerivano
di non cercarti. Inutilmente.
In mille strade l’anima lanciai
per incontrarti. Ma sei fuggita sempre
quasi che il mio dolore t’annoiasse.
Fu quindi logico prepararsi
a ricevere quella nuova certezza.
Rabbrividì la terra sotto i piedi
sebbene mi trovassi su una nuvola.
Fremendo disperai d’esser capace
di sopportare questo strano stato
che vuole ch’io sia orfano e patrigno.
Non seppi misurare l’intensità
del sisma che seppellì il mio cuore.

Nella fornace ardeva il fuoco
delle mie vecchie primavere spente
a cuocer tegole, per dissipare
altri odori. Il lezzo mascherato
del silenzio stordiva.(Trattenere
il respiro è un esercizio
che non s’addice a chi passa di corsa).
Fu così che ti rividi, mentre
premevi un fazzoletto al naso
per risparmiarti un frammento
di presente. Perciò risi di cuore.
Mi vidi – tanguero goffo – ballar da solo
sul pavimento fatto di lusinghe.

Il Fato s’ingegnò di disegnare
arabeschi possibili di fine, labirinti.
(E non vale annotare sul taccuino
il sangue che riversa la ragione
sulla mia testardaggine malata,
se d’ogni strada il tentativo porta
al finale drammatico che incombe).

Il latrato dell’alba, vessatorio,
sciorinò sotto gli occhi il vero dramma:
il ciclo s’era chiuso com’era cominciato,
nel tremito violento della terra.
Case sventrate, piazze seppellite,
gente passata per morir dormendo
gente sopravvissuta, gente assente.

Noi. Sgretolati, come muri falsi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...