CATASTROFI: latitanze e speranze

Parafrasando il mio amico Ermanno Cecconetto, sono davvero frastornato dalla mole di disponibilità dichiarata da tutti i paesi membri dell’Unione Europea a inviare solidarietà in uomini, mezzi e fondi per aiutare l’Italia a fronteggiare il disastro che la sta affligendo sottoforma di terremoti, valanghe crolli e abbandono delle case.

Sono veramente tanti i messaggi della UE io ne ho contati ZERO!

 

Di più sono quelli dello Stato Italiano che fa dire alla RAI ai suoi cittadini di provvedere…via SMS.

Allora: io parlerò bene di questo Stato quando inviterà i cittadini a inviare un SMS per salvare le banche e troverà subito, invece, 20 miliardi di Euro per affrontare catastrofi come quelle di questi giorni, senza elemosinare in giro!

 

Intanto si riaccende la speranza: leggo su La Stampa

 Slavina sull’hotel, trovate 6 persone ancora in vita. I soccorritori:
“Stiamo parlando con loro”

Sei persone sono state individuate vive dai vigili del fuoco, protette da un solaio nella zona delle cucine, sotto le macerie dell’Hotel Rigopiano di Farindola travolto da una slavina di neve e detriti mercoledì. Tra loro una donna e una bambina. I soccorritori stanno parlando con loro. La notizia arriva dopo una notte trascorsa senza aver avuto segnali dai dispersi. Due elicotteri, uno della Guardia Costiera con a bordo personale del 118, e uno dei Vigili del Fuoco stanno sorvolando la zona. Dopo il recupero i superstiti saranno trasportati all’ospedale di Pescara. Le ricerche procedono con nuova speranza, ma in condizioni estreme, per il timore di crolli o di nuove slavine…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...