Cara Sabbrina, quanno vengo a Roma

Cara Sabbrina, quanno vengo a Roma
quas’in pellegrinaggio vo’ dar Belli,
doppo co’ carma ne la Lungaretta
m’aggiro e sent’in testa li stornelli;
quanti profumi annuso senza fretta!
E dar piacer ce cado quasi ‘n coma.
Profumi de guanciale e pommidoro,
de carne cotta su la brasce ardente,
de coda fatt’ar sugo, che l’adoro,
d’abbacchio scottadito e past’ar dente!

Arivo piano in piazza de Giuditta
ch’è quasi l’una e mezza e l’apetitto
me chiede amatriciana e carne fritta
dunque da Carlo Menta volo dritto.
Me sazio, sogno e sgorga la poesia
bev’un goccetto de vinello bbono,
saluto Carlo e me ne vengo via.

Giro pe’ ‘sto Trastevere cor tono
der pellegrino, mica der turista,
perccui fo’ tappa da Santa Maria
‘na Chiesa che m’ispira e me conquista.
Prego, ragiono, scrivo ‘sta poesia
e nun m’accorgo che s’è fatta sera
come farò a vedè Santa Cecijia?
Sta piazza illuminata dà na vera
gioja pe l’occhi ch’è ‘na mirabijia!

‘Na giovane rumena me tampina
che vo’ li sordi per potè magnà
e chiede l’elemosina, meschina,
imbacuccata e co’ na gamba in là,
sciancata, magra, pare ‘n morticino:
senza fa’ scene je fo’ la carità.

N’ora più tardi è là per tera e russa
forte come na scrofa e cià der vino
ch’ancora scola ai piedi de Trilussa…

Benito Ciarlo 25 giugno 2010

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...