Inno alla Piccola Italia

Son centocinquanta i tuoi anni, Italietta
ma non li dimostri, sei ancora bambina.
Sei bella ma cresci seppur senza fretta
così che potremo chiamar signorina
la bella fanciulla che diventerai
appena la forza nel polso tu avrai
per dar un bel colpo e scrollarti di dosso
le zecche e le pulci che stan sul tuo cuore.
Affronta sti vermi , sti nani senz’osso
Disperdili al vento, risparmia il dolore.
Son polvere neutra son solo arroganti
cresciuti nell’odio, non sono dei santi:
perciò tu per crescere in modo normale
scatenati e picchia, farai poco male!
Auguri  di cuore mia Italia perfetta
ti voglio un gran bene lo sai, t’amo tanto:
perciò per uscire da questa disdetta
anch’io sono pronto a lottar con te accanto.

Ben

 

Pagina Correlata: Il Canto degli Italiani

2 pensieri riguardo “Inno alla Piccola Italia

  1. L’intero popolo italiano dovrebbe leggersi queste poche ma innamorate righe. Riscoprendo l’amore per la propria patria, magari, chissà…potremmo veramente scacciare pulci e zecche dal cuore e non solo…! Complimenti 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...